Danzica e le sue sorelle!

“Ehy! Ehy!

Ciao! Ciao!

Mi chiamo Gdansk, Danzica per gli Italiani . Sono la sorella minore della rinomata Copenaghen e la regina della Pomerania”

d1

Dove abbiamo soggiornato?

L’economicità attuale (non credo ancora per molto) della Polonia, permette di soggiornare in catene alberghiere irraggiungibili in altre mete, come lo Sheraton. Noi abbiamo soggiornato al fantastico Mercure Hotel Stare Miasto, un vero e proprio affare, ottenendo lusso con poco e con un panorama mozzafiato sulla città, essendo questo mercure un grattacielo. 7 notti: 431€ senza colazione, una camera matrimoniale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come siamo arrivati?

(2 anni prima…)

“Andiamo a Danzica?”

“Non possiamo, non c’è il volo da Napoli”

(1 anno prima…)

“Andiamo a Danzica?”

“Magari mettessero il volo da Napoli…”

(oggi…)

Siamo partiti dall’aeroporto di Napoli per Danzica, con Ryanair, volo diretto.

Da Giugno 2017, Ryanair ci sta dando la possibilità di metter piede in molte mete sognate, senza raggiungere gli aeroporti di roma e senza spendere tempo e denaro. Infatti, il volo a/r diretto con solo bagaglio a mano (perchè abbiamo imparato a sfruttarlo in ogni mm ), lo abbiamo pagato 130 euro a persona.

Da e verso l’aeroporto?

L’aeroporto Lech Wałęsa è abbastanza moderno ed è semplice spostarsi, basta guardare a terra. Seguite le linee colorate, ognuna porterà ad un mezzo di trasporto diverso:

Linea per i Bus: Bus n°210, partenza ogni 5 minuti, per Danzica.

Linea per i Taxi: Circa 80 szloty per raggiungere la città, quindi 20 €.

Linea per i treni: Qualsiasi treno, che porti in direzione Gdansk Glowny, va bene. Il prezzo si aggira intorno agli 8/9 szloty, circa 2€.

Tutto e ben visibile e disponibile appena usciti dall’aeroporto.

Dove mangiare?

Essendo i pierogi il piatto tipico per eccellenza, vi consigliamo vivamente di far tappa qui:

Pierogarnia Mandu Centrum, oppure Dumpling Mandu Center Elżbietańska 4/8, 80-894 Gdańsk. Aperto dalle 11 alle 22.

C’è un altro Pierogarnia, Pierogarnia Mandu – Oliwa  (Fermata del treno Oliwa), ma è un pò più distante dal centro (raggiungibile in treno o in tram) ed è anche più economico.

Ma parlare di economia potrebbe sembrar fuori luogo dato che, in pieno centro, due piatti di pierogi, ognuno contenente dieci ravioli, e due bibite, abbiamo sempre pagato circa 13-14 euro.

Abbiamo mangiato qui, praticamente ogni giorno. Sia perchè i pierogi sono buonissssssssssssssssssssssssssssssssssssssssimi e molto vari , sia perchè è moooooolto economico. Sul loro sito, potrete trovare anche il menù con i relativi prezzi.

Si dice che sono i migliori di Danzica!

http://pierogarnia-mandu.pl/en/menu/

Potreste anche optare per una colazione fatta di pierogi dolci e due bicchieri di latte freddo aromatico, almeno per una mattina, è consigliatissimo.

d2

Dominikańska Restaurant

In una traversa della strada principale di Danzica, troviamo questo ristorantino, piccolo e carino. La cucina è polacca, tipica e tradizionale. I piatti sono abbondanti e i prezzi davvero bassi. Sarebbe stato bello ritornarci anche una seconda volta, perchè davvero buono.

r3

Retro Cafe

E’ il miglior posto per fare una buonissima colazione, in una location vintage, con macchine fotografiche d’epoca e mega yogurt !

b1

Browar Piwna

La più famosa ed antica birreria di danzica. Si trova in  Ulica Piwna, la Via della Birra . Qui potrete scegliere tra un’ampia varietà di birre fatte in casa, tutte molto famose.

21147301_1377352882380073_8473692766717607936_n.jpg

Pellowski

Non è che ve ne siamo molti, ma tra i vari, è quello che risalta di più ai vostri occhi. Una catena di dolci polacchi, dall’aspetto favoloso, ma dalla pulizia un pò scarsa.

Diamogli comunque una possibilità 🙂

Józef K

In questo locale surreale, troverete  birre, ottimi vini e gli immancabili sidri di produzione polacca, una bevanda frizzantina e piuttosto dolce di cui i polacchi sono particolarmente fieri.

Ovviamente, anche a Danzica ci sono ristoranti particolarmente cari, ma noi non li abbiamo considerati 🙂

Cosa mangiare?

In Polonia, a tavola trova sempre spazio l’aringa, in polacco (sledz), il merluzzo (dorsz), il salmone (losos) spesso usato affumicato, la carpa (karp), lo sgombro (makrela), l’halibut e la trota (pstrag), generalmente cotta alla griglia.

Per quanto riguarda la carne, è molto usato il maiale (wieprzowina) di cui si fanno bistecche (kotlet schabowy), stinchi (golonka wieprzowa), salcicce affumicate, di cui esiste un incredibile varietà, wurstel (panowka) e prosciutto cotto o affumicato.
Il lardo (smalec) viene usato sul pane. Generalmente, è mischiato con piccoli pezzi di carne croccante. E’ utilizzata anche la carne di vitello (cielecina).

Il pollo (kurczaka) è molto presente nei piatti polacchi. Si usa il coscio (podudzie), il fegato (watrobka). Esistono anche salcicce di pollo. Durante la stagione della caccia, non manca la selvaggina: fagiano (bazant), anatra (kaczka), oca (ges), cervo (comber), coniglio (proli), lepre (zajac).

La patata è un alimento fondamentale nella dieta polacca, come del resto nell’est europa. Sono usate come contorno, bollite, al forno arrosto o in purè. Anche il cavolo (kapusta) è diffusissimo. Presenti anche le carote, le barbabietole, le rape e i peperoni.

Tatar

Carne cruda al cui interno viene inserito il tuorlo di un uovo crudo e intorno vengono aggiunti cetriolo sottacete e cipolla fresca tagliate a cubetti. Viene servito senza condimento e si aggiunge successivamente sale e pepe.

Come terminare un pasto?

Dolci:

Makowiec: E’ fatto con pasta sfoglia riempita di sempi di papavero e cotta al forno.

Sernik: Dolce al formaggio fresco

Piernik: Dolce con miele e varie spezie

Mazurek: Pasta frolla con frutta secca

Cosa vedere?

Danzica è una città complessa e intrigante, situata lungo il bordo meridionale della costa del Mar Baltico, nel nord della Polonia, e parte di una grande agglomerazione urbana che include la città termale di Sopot e la località balneare di Gdynia (conosciuta con il nome di Trójmiasto), per queste ultime 2 ci saranno dei capitoli a parte.

I principali luoghi d’interesse sono situati nei quartieri storici, in particolare in quelli di Główne Miasto (Città Grande), Stare Miasto (Città Vecchia) e Stare Przedmieście (Sobborgo Vecchio).

Il centro storico di Danzica è infatti piuttosto grande, anche se compatto da poter essere girato facilmente a piedi.
La Città Grande (Główne Miasto) è il cuore del centro storico di Danzica, si concentra nella bella e colorata strada principale di Ulica Długaa (Strada Lunga) e continua per la piazza del Mercato Lungo, la Długi Targ, facilmente raggiungibili dalla stazione dei treni e collegate al Canale di Motława.

679Cattura

A nord di questo primo quartiere,troviamo l’antica Città Vecchia di Stare Miasto , che si estende dalla via Podwale Staromiejskie, delimitata dai vecchi cantieri navali e più a nord no a comprendere quartieri come Oliwa ed i confini di Sopot. Il Sobborgo Vecchio Stare Przedmieście è invece situato a sud della Città Grande e si apprezza in particolare per il Museo Nazionale di Narodowe.

Di seguito alcuni dei monumenti principale di Danzica:
Ulica Długa (Strada Lunga) e Długi Targ (Piazza del Mercato Lungo). Ambedue sono parte dell’antico tragitto reale di Danzica, la strada lungo la quale i re polacchi facevano il loro ingresso in città durante le visite ufficiali. Il cuore di Danzica è qui, immerso in una grande folla di visitatori, centrato dalla bella Fontana di Nettuno e circondato da una serie di palazzi dall’incredibile architettura. L’intero tragitto si caratterizza anche per le numerosi caffetterie e ristoranti presenti, che nella bella stagione è possibile trovare con numerosi tavoli all’aperto. Nella Długi Targ, troviamo altrettante varie bancarelle di souvenir, artisti da strada, ristoranti.

Cattura.PNG

Fontana di Nettuno (Fontanna Neptuna)
Fontana simbolo della città di Danzica, eretta nella prima metà del Seicento. Il dio Nettuno è al suo centro, possente e orgoglioso come il cuore di questa città ed il suo mare. Al suo cospetto, oggi, residenti e turisti s’incontrano nei diversi momenti della giornata e della sera, quando la piazza s’illumina del suo fascino più suggestivo.

Chiesa di Santa Maria di Danzica (Bazylika Mariacka)
La grande chiesa in mattoni rossi di Danzica viene indicata come la più grande struttura nel suo genere al mondo: la sua navata centrale è formata da oltre trenta cappelle e può ospitare circa 20.000 persone. Si noterà il quattrocentesco Orologio astronomico opera di Hans Düringer da Toruń, a suo tempo posizionato nel punto più alto di un edificio.

Ulica Mariacka
Questa graziosa via di Danzica, che dirige alla chiesa di Santa Maria, è anche una delle vie più pittoresche e amate dalla popolazione locale. L’atmosfera è vivace, giovanile, caratterizzata da decorazioni in ferro battuto che ricoprono i balconi e le scalinate esterne degli edifici antichi. Negozi, caffetterie e gioiellerie d’ambra piacevolmente finiranno di rallegrare la vostra giornata di visita.

Questo vicolo appartato dall’aria bohemienne è noto anche come via dell’ambra, per le numerose e graziose botteghe artigianali che la popolano e dove è possibile acquistare gioielli di ogni tipo e dimensione, impreziositi dall’ambra baltica. Questa resina fossile che può assumere diverse colorazioni, sebbene la più conosciuta sia di color giallo è talmente diffusa da renderne Danzica la capitale mondiale. Bracciali, collane e anelli risplendono nelle vetrine e inondano di luce dorata la pietra grigia degli edifici. Qui potrete trovare anche bellissimi lavori in vetro e una gran varietà di prodotti artigianali realizzati con l’ambra: strumenti musicali, animali, velieri… delle vere e proprie opere d’arte più che semplici oggetti di decoro.

Municipio di Danzica (Ratusz Głównego Miasta): Il bell’edificio è uno dei monumenti più rappresentativi di Danzica, situato ai piedi della Strada reale, la Via Lunga. Non si può inoltre non notare lo splendido dipinto di Izaac van den Blocke, la Glorificazione di Danzica (1608).

Corte di Artù (Dwór Artusa)
All’ingresso della piazza Dlugi Targ sorge un antico palazzo gotico del XIV secolo, una residenza dedicata alla corte di re Artù. La sala con volta stellata che si tiene su quattro colonne è spesso indicata come una delle belle delle corti in Europa.

Casa degli Scabini (Sien Gdanska)
L’edificio degli Scabini, anche noto come Casa della Giuria, si compone di due aree, la Vecchia casa e la Nuova casa, e fu dimora in epoca medievale del corpo di esperti giuristi chiamati dal governatore della città a pronunciarsi su un determinato fatto, emanando giudizio di sentenza.

Antiche porte di Danzica
Numerose e bellissime, le antiche porte di Danzica conservano tutto il fascino storico e architettonico del passato, nonostante la loro ricostruzione del dopoguerra. La gotica Porta di Santa Maria (Brama Mariacka) apre il corteo di visita alla Ulica Mariacka e verso la chiesa di Santa Maria; la Porta a Monte (Brama Wyzynna), del XIV secolo, antico ingresso principale alla città, situata sulla Ulica Długa e nota anche per ospitare la torre della prigione, l’antica sala delle torture di Danzica; la Porta verde (Brama Zielona), che si apre direttamente sul porto e sul canale del Motława e verso l’isola dei Granai; la Porta del Pane (Brama Chlebnicka), costruita dai Cavalieri Teutonici nel XV secolo; la Porta d’Oro (Złota Brama), una delle principali attrazioni turistiche della città, situata all’ estremità della via Lunga (Ulica Długa) ed edificata nel 1612 al posto della precedente Porta Gotica. Lo stile architettonico della porta d’Oro è manierismo olandese e l’edificio si pone accanto all’edificio tardo-gotico della Confraternita di San Giorgio; tra le tante altre non si perdano di vista le varie Porta del Santo Spirito (Brama Sw Ducha), sul lungo fiume, così come la Porta della Grande Gru (Brama Zuraw), Porta della Bancarella (Brama Straganiarska) e Porta di San Giovanni (Brama Świętojańska).

Gru di Danzica (Żuraw Gdański)
Il più grande macchinario dell’Europa medievale per lo scarico ed il carico delle merci. Una grande porta a due torri collocata nel lungo fiume e oggi attrazione turistica famosa in tutto il mondo. Si prediliga una passeggiata lungo il canale di Motława, una delle più gradevoli della città.

Cantieri di Danzica (Stocznia Gdański)
Anche noti come cantieri di Lenin, costituiscono il centro delle lotte anticomuniste e indipendentiste degli anni Settanta e Ottanta del XX secolo. Non si manchi la visita al Monumento ai Lavoratori, uccisi durante i disordini di protesta sociale e politica.

Baltic Symphony Hall: Un fantastico edificio storico, all’interno del quale vi è una hall per concerti sinfonici.

Amber Sky: E’ la piccola “GDansk Eye” della città, una piccola ruota panoramica con vista del canale Motława.

5.PNG

Ulica Piwna: La via esclusiva sia per antichità che per tradizione, dato che la via è soprannominata la via delle birre e qui risiede la birreria più antica della Polonia.

National Maritime Museum: Il museo marittimo contenente i resti delle più antiche caravelle di tutto il mondo.

Cattura.PNG

Drawbridge Gdansk: Ogni mezz’ora è possibile oltrepassare questo ponte elevatoio, che permette di raggiungere l’altro lato, ovvero l’isolotto: Ostrów Island

dr.PNG

Madison Shopping Gallery: Un centro commerciale in pieno centro, dove vale la pena passeggiarci,magari quando le pioggie cadono sulla città.

1

Westerplatte: Il punto di Danzica in pieno Mar Baltico. Zona scelta dai tedeschi per sbarcare ed attaccare i Polacchi durante la guerra mondiale (vedi battaglia di Westerplatte). In questa zona sorgono spiagge, parchi verdi ed il monumento che ricorda le vittime dei soldati polacchi che resistettero ai tedeschi. Raggiungibile con una barca stile “perla nera” che troverete lungo il canale di Danzica. Impossibile non notarla. Il costo è  di 10 euro a persona, andata e ritorno. Una volta scesi dalla nave, si può raggiungere il monumento a piedi, un bel tratto a piedi, oppure con un trenino, circa 4 euro a persona, potrete fare un giro panoramico della zona ed arrivare, senza alcuna fatica, al monumento. In questa zona, ci sono alcune spiagge prese di mira dai polacchi, ma l’acqua qui non è delle migliori.

Brzezno Beach e Brzezno Pier: Il molo di Danzica (Brzezno Pier) sorge nella zona denominata Brzezno, nella quale vi sono spiagge e locali sulla spiaggia.

Cattedrale di Oliwa: La basilica arcicattedrale di Danzica-Oliwa è il principale luogo di culto della città di Danzica, in Polonia, sede vescovile dell’Arcidiocesi di Danzica. Si trova nel quartiere di Oliwa

Oliwa Park: Il parco è molto particolare e caratteristico. Il giardino ed i fiori sono tenuti in maniera perfetta. Parco ottimo per fare una passeggiata e rilassarsi in tranquillità.

Vi ricordo che Brzezno e Oliwa sono facilmente raggiungibili o con il treno o con il tram !

Quando andare? 

Il miglior periodo per visitarla sono  i mesi Luglio e Agosto, sia perchè le temperature sono piacevoli( circa 20 gradi durante la giornata), sia perchè, in questo periodo, la città è in festa. Non esiste estate a Danzica senza la Fiera di San Domenico. Infatti, troverete molte bancarelle che non trovereste in altri periodi dell’anno, una delle fiere all’aperto più importanti d’Europa. Bancarelle sia di cibo, per lo più scamorza affumicata con marmellata, pane con varie cremine e cetrioli e poi waffles e il classico gelato americano, un gelato veramente lungo.

Cattura3

Link alla successiva tappa del Tour -> Sopot: la casa ubriaca ed il molo più lungo d’Europa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...